JASON BOURNE Review (Evaluation/voto 3/5)

images

The film, the fifth of the famous series starring Matt Damon and directed by Paul Greengrass ( The Bourne UltimatumThe Bourne Supremacy ), follows the last chapter Bourne Legacy played by Jeremy Renner. It took four years before a new chapter of the saga could enter in the cinemas impressing readers and connoisseurs of the series. With an exceptional cast – Matt Damon ( Who plays the role of Jason Bourne after the last film in 2007), Alicia Vikander ( The Danish Girl The Taste of Success ), Vincent Cassel, Julia Stiles and Tommy Lee Jones -the film seems to drop the aspirations of the public. In an interview of 2012  the actor Matt Damon confirmed his return in lead role and tha one  of Paul Greengrass as the director of the new chapter. The intention was to resume the figure of the hangful action hero angry to himself and to the prevailing corruption in the systems of the CIA, facing a future of purification and liberation from the painful memories of the past. The director says  “We find Bourne to Greek/ Macedonian border, is tormented, and we do not why. So what happened to Bourne the past dacade and why has he not found a bit of peace?“. The dialogues are scarce and limited to the techinical operations. The numerous flashbacks give the viewer the opportunity to create a more detailed idea of the hero that does not transpire from the plot. A cast that certainlly affects the eye: a Matt Damon in shape after intense training program but with graying hair and eyes marked by time . An  Alicia Vikander who always seems to impress more audiences after his performance in the film the Danish Girl who saw her in the role of co-star alongside Eddie Redmayne and that earned her  the victory of an oscar for best supporting actress. In addition we find Vincent Cassel in the role of a veteran instructed to kill Jason Bourne, and Tommy Lee jones in the role of the director of the  CIA .

An element that certainly affects the spectator eye is the huge number of special effects that contribute to a more realistic car chases and armed clashes. It took about 300 cars to realize the Asset(Vincent Cassel)  tracking by Bourne with the consequent breaking of a large part of them. Paul Greengrass  demonstrates his talent allowing us to immerse ourselves in the film sequences with shots that do not last much but amaze and impress.

Outstanding and breathtaking is also the background that animates the scene and takes us into different realities of the world: from Greece to Germany, from London to the United States.

“The movies I choose today must know how to give a political reading to our reality” is justified Matt Damon to pressing questions about the reason for the continuation of the saga after the proven disinterest shown when completed The Bourne Ultimatum. “In fact, before 2007 no one in the film had never represented a clash between national security and civil liberties,” he says.The action movie made by the director is  certainly full of amazing action sequences, close combat and chases that force the viewer to remain in suspense but always leave space to a ‘political analysis

Synopsis

We talk about the fifth chapter of the lucky series  starring a former killer of the CIA  where policy and action converge  in the creation of a crackling filmThe former agent Jason Bourne (Matt Damon) is forced out of the shadows and face a powerful new network more dangerous than any other organization. But even if they will try to manipulate him, Jason Bourne will prove to be even able to support the innocent.

Recensione

Il film, quinto della celeberrima serie interpretata da Matt Damon e diretta da Paul Greengrass( The Bourne Ultimatum The Bourne Supremacy ) ,fa seguito all’ultimo capitolo The Bourne Legacy in cui il protagonista era Jeremy Renner.Ci sono voluti ben 4 anni prima che un nuovo capitolo della saga potesse andare in porto ed entrare nelle sale cinematografiche entusiasmando lettori ed intenditori della serie televisiva . Con un cast d’eccezione – Matt Damon ( che riveste i panni  di Jason Bourne dopo l’ultimo film del 2007), Alicia Vikander ( The Danish GirlIl sapore del successo ) Vincent Cassel ,Julia stiles e Tommy lee Jones- il film sembra in parte far cadere le probabili aspirazioni del pubblico . In un intervista del 2012 l’attore Matt Damon confermò il suo ritorno nel ruolo di protagonista e quello di Paul Greengrass come regista del nuovo capitolo . L’intenzione era quella di riprendere la figura dell’action hero smemorato rabbioso verso se stesso e verso la corruzione imperante nei sistemi della CIA, rivolto verso un futuro di purificazione e liberazione dai dolorosi ricordi del passato. Spiega infatti il regista “ troviamo Bourne al confine greco /macedone,è tormentato e noi non sappiamo perchè. E dunque che cosa è accaduto a Bourne negli ultimi dieci anni e perchè non ha trovato un po di pace?”.I dialoghi sono carenti e limitati a operazioni di carattere tecnico. I numerosi flashback danno la possibilità allo spettatore di crearsi un’ idea più dettagliata del protagonista che altrimenti non trasparirebbe dalla trama. Un cast che certamente colpisce l’occhio: Un Matt Damon più informa dopo l’intenso programma di allenamento ma con capelli brizzolati e sguardo segnato dal tempo .Una Alicia Vikander che sembra stupire sempre di più il pubblico dopo la sua performance nel film The Danish Girl che la vide nel ruolo di co- protagonista a fianco di Eddie Redmayne e che le fruttò la vittoria di un oscar come miglior attrice non protagonista. Inoltre troviamo Vincent Cassel nei panni di un agente veterano incaricato di uccidere Jason Bourn, e Tommy Lee Jones alle prese con il ruolo di dirigente della CIA .

Elemento che certamente spicca all’occhio dello spettatore è l’immenso numero di effetti speciali che contribuiscono a rendere più realistici inseguimenti automobilistici e scontri a mano armata . Ci sono volute circa 300 auto per conseguire la sequenza dell’inseguimento dell’Asset(Vincent Cassel) da parte di Bourne con la conseguente rottura di gran parte di esse. Paul Greengrass dimostra quindi il suo talento permettendo di calarci nelle sequenze del film con riprese che non durano molto ma che nonostante ciò ci incalzano e stupiscono man mano.

Eccezionale e mozzafiato è inoltre lo sfondo che anima la scena e ci trasporta in diverse realtà del mondo : dalla Grecia alla Germania, da Londra agli Stati Uniti.

“I film che scelgo oggi devono sapere dare una lettura politica alla nostra realtà ” si giustifica Matt Damon alle incalzanti domande circa il motivo della continuazione della saga dopo il provato disinteresse dimostrato una volta completato The Bourne Ultimatum. “In effetti prima del 2007 nessuno al cinema aveva mai trattato di uno scontro tra sicurezza nazionale e libertà civile” afferma. L’action movie realizzato dal regista è quindi sicuramente ricco di scene d’azione sorprendenti, scontri corpo a corpo e inseguimenti che costringono lo spettatore a rimanere con il fiato sospeso ma che lasciano sempre lo spazio ad un’ analisi politica approfondita.

Sinossi

Parliamo del quinto capitolo della fortunata serie che vede protagonista un ex killer della CIA in cui politica ed azione convergono nella creazione di una pellicola scoppiettante. L’ex agente della CIA Jason Bourne (Matt Damon) si trova costretto ad uscire dall’ombra e a dover affrontare una nuova potente rete più pericolosa di qualsiasi altra organizzazione. Ma anche se cercheranno in ogni modo di manipolarlo e di farlo arrendere Jason Bourne dimostrerà di essere ancora in grado di sostenere gli innocenti

2 responses to “JASON BOURNE Review (Evaluation/voto 3/5)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s