The Greatest Showman Review (evaluation: 5/5)

This slideshow requires JavaScript.

(testo italiano subito dopo)

It’s an explosion of music, colours, grit, energy, joy and desire to dream that can’t disappoint you and that you don’t have to miss. The genre is not my favourite but this film, as well as not being the usual’ 50s/’ 60s musical, is abstracted from any categorisation or label, and is simply objectively beautiful and has to be seen for its ability to convey joy. The film starts with a bang, right from the first scene you would like to get up and move around the whole cinema. Hugh Jackman said that they were inspired by Steve Jobs’ Apple presentations for the opening scene and they certainly achieved their goal.

Hugh Jackman (P. T. Barnum) was born for this role, shines in his red costume with his hat, he’s fantastic in the film but also on the set, where he managed to involve everyone with his spirit and where he was able to transfer all his passion and commitment that led him to such a result.
The cast is exceptional, from the protagonists to the last of the extras, and is able to transport you into a magical world, letting you escape from reality for the entire duration of the film. Keala Seattle (the bearded woman) has an exceptional talent and scenic presence, Zac Efron and Zendaya are perfect for their roles and very gifted also in singing and dancing. The energetic choreographies and songs that are very catchy and never tiring, are of a higher level than most other musicals. The costumes are, to say the least, iconic and perfect for the era in which the film is set, the costume of Hugh Jackman (and not only his) will certainly enter the history of cinema and entertainment. Lights, colours and special effects are also perfect. The plot is almost always clear and the dialogues are very good; someone could complain some shadows in the screenplay – for example in the introspection of some characters – but I think these elements are completely irrelevant especially considering that this film, as well as being a show with the capital S, is a real praise of diversity and tells and celebrates the things that are worth living for most: love, art, friendship, adventure, courage, solidarity, trust and mutual respect.
The only “negative” note that we can perhaps add is that the love story between Zac Efron and Zendaya could have been a little more detailed, but I write this because it is so beautiful and well interpreted by the actors that I regret that it has not been given more importance.
If you nominate the circus today it is likely that you twist your nose but in the mid-nineteenth century it was really the greatest spectacle, in which you could see the strangest things that at the time you could only admire there and really amazed; you could find many similarities between the circus of the time and the cinema of today.
However, it is a film during which you don’t get bored for even a moment and suitable for everyone.
Hugh Jackman is truly the biggest showman and this film is really the biggest show you can really want to see.

The noblest art is that of making others happy (P.T. Barnum)

Directed by Michael Gracey
Produced by
  • Laurence Mark
  • Peter Chernin
  • Jenno Topping
Screenplay by
  • Jenny Bicks
  • Bill Condon
Story by Jenny Bicks
Starring
  • Hugh Jackman
  • Zac Efron
  • Michelle Williams
  • Rebecca Ferguson
  • Zendaya
Music by
  • John Debney
  • Joseph Trapanese
Cinematography Seamus McGarvey
Edited by
  • Tom Cross
  • Robert Duffy
  • Joe Hutshing
  • Michael McCusker
  • Jon Poll
  • Spencer Susser
Production
company
  • Chernin Entertainment
  • Seed Productions
  • Laurence Mark Productions
  • TSG Entertainment
Distributed by 20th Century Fox
Release date
  • December 8, 2017 (RMS Queen Mary 2)
  • December 20, 2017(United States)
Running time
105 minutes
Country United States
Language English
Budget $84 million
Box office $361.5 million

Recensione The Greatest Showman (voto: 5/5)

È un’esplosione di musica, colori, grinta, energia e voglia di sognare che non potrà assolutamente deludervi e che non dovete perdere. Il genere non rientra fra i miei preferiti ma questo film, oltre a non essere il solito musical anni ’50/’60, si astrae da ogni categorizzazione o etichetta ed è semplicemente oggettivamente bello e da vedere per la sua capacità di trasmettere gioia. Il film inizia col botto, fin dalla prima scena ci si vorrebbe alzare e muoversi per tutta la sala. Hugh Jackman ha affermato che per la scena iniziale si sono ispirati alle presentazioni della Apple di Steve Jobs e di sicuro hanno raggiunto l’obiettivo che si erano prefissati.

Hugh Jackman (P.T. Barnum) è nato per questo ruolo, brilla nel suo costume rosso col cappello, è fantastico nel film ma anche sul set, dove è riuscito a coinvolgere tutti con il suo spirito e dove ha saputo trasferire tutta la sua passione e il suo impegno che lo hanno portato ad un simile risultato.

Il cast è eccezionale, dai protagonisti all’ultima delle comparse, ed è in grado di trasportarvi in un mondo magico facendovi evadere dalla realtà per tutta la durata del film. Keala Seattle (la donna barbuta) ha un talento e una presenza scenica eccezionali, Zac Efron e Zendaya sono perfetti per i loro ruoli e molto dotati anche nel canto e nella danza. Le coreografie, piene di energia, e le canzoni molto orecchiabili e che non stancano mai, sono di un livello superiore rispetto alla maggior parte degli altri musical. I costumi sono a dir poco iconici e perfetti per l’epoca in cui è ambientato il film, il costume di Hugh Jackman (e non solo il suo) entrerà di certo nella storia del cinema e dello spettacolo. Anche le luci, i colori e gli effetti speciali sono perfetti. La trama è quasi sempre chiara e i dialoghi molto buoni; qualcuno potrebbe lamentare alcune ombre nella sceneggiatura – per esempio nell’introspezione di alcuni personaggi – ma io credo che questi elementi siano del tutto ininfluenti soprattutto considerando che questo film, oltre a essere uno spettacolo con la S maiuscola, è un vero e proprio elogio della diversità e racconta e celebra le cose per cui vale la pena vivere: amore, arte, amicizia, avventura, coraggio, solidarietà, fiducia e rispetto reciproco.

L’unica nota “negativa” che forse si può rilevare è che la storia d’amore fra Zac Efron e Zendaya poteva essere approfondita un po’ di più ma scrivo questo perché è talmente bella e ben interpretata dagli attori che dispiace che non le sia stato dato maggiore spazio.

Se si nomina il circo oggi è probabile storcere il naso ma a metà ’800 era davvero il più grande spettacolo, in cui si potevano vedere le cose più strane che all’epoca si potevano ammirare solo lì e stupivano veramente; si potrebbero scovare molte analogie fra il circo dell’epoca e il cinema di oggi.

Comunque è un film durante il quale non ci si annoia neanche un attimo e adatto a tutti.

Hugh Jackman è veramente il più grande showman e questo film è davvero il più grande spettacolo che si possa desiderare vedere.

The noblest art is that of making others happy (P.T. Barnum)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s