Dunkirk Review (voto/evaluation: 5/5)

This slideshow requires JavaScript.

Directed by
Christopher Nolan
Produced by
Emma Thomas
Christopher Nolan
Written by
Christopher Nolan
Music by
Hans Zimmer
Cinematography
Hoyte van Hoytema
Edited by
Lee Smith
Production companies
Syncopy Inc.
Distributed by
Warner Bros. Pictures

Cast

  • Fionn Whitehead as Tommy
  • Tom Glynn-Carney as Peter
  • Jack Lowden as Collins, a Royal Air Force Spitfire pilot
  • Harry Styles as Alex
  • Aneurin Barnard as “Gibson”, a French soldier masquerading as a British Army private
  • James D’Arcy as Colonel Winnant
  • Barry Keoghan as George Mills
  • Kenneth Branagh as Commander Bolton
  • Cillian Murphy as Shivering Soldier
  • Mark Rylance as Mr Dawson
  • Tom Hardy as Farrier, a Royal Air Force Spitfire pilot

Review

The movie is set during the Second World War, based on the terrible evacuation of about 400,000 allied soldiers from the Dunkirk beach under the threat of the German Army.

Nolan puts the story on three battlefields and three different units of time (one week on the beach where the soldiers waited their fate, one day at sea following one of the civilian boats that took part in the rescue, an hour in the sky following the heroic pilot of a spitfire), three views that the director and screenwriter converge into a single present with extraordinary ability.

In the movie, photography and soundtrack are fundamental, everything goes through image and sound, noises are made so good that some Dunkirk veterans who have previewed it with the actor Branagh said that the movie’s sounds in films are even  more intense than those they have felt in reality in those dramatic days.

Each frame is a full-featured photograph, each sound is vivid, the soundtrack is perfect and keeps the highest tension all the time, the union of all these elements, along with some shivering silences, make Dunkirk a real and own work of art. The film can be described as a moving picture that performs a dance around space and time.

Nolan’s masters the perfect timing of the scenes, all the film is back and forth, like the waves crashing on the beach, like the soldiers who have a hope of escaping and are then brought back from the sea to the beach, time itself goes back and forth, as the ticking of a broken clock, like that beated by music and heartbeats. This also represents the race against the time that the soldiers run, struck by the Germans by sea, by land and by the sky,  trying to get away from that beach from which “you can almost see home” and return to England, while counting down to the next high tide.

Dunkirk’s beach is a kind of limbo, with soldiers waiting for their fate unaware of what’s going to happen

It is a new kind of war movie, there is no rhetoric, no heroism, no glory: all soldiers are anonymous either they are heroes or they are cowards or both; there are no heroes, only boys and men who want to go home, “surviving is enough” as the another anonymous character with some particular pictures, highlights the solitude and despair that war causes. It is not a war movie with the  good guys and the bad guys, here the enemy is a shadow, and does not play a central role.

Nolan’s war is made of people who die or who survive, but all feel burdened with a useless and naive sense of dishonor and disappointment originate from Churchill’s rhetoric.

The rescue of soldiers is not considered a victory but the containment of a defeat.

It is a film that can be safely defined as art, some have called it an impressionist masterpiece, and above all, also thanks to the excellence of the cast, it honors the true story.

Dialogues are very limited, but each word has a profound meaning, and the exceptional actors manage to express all the rest  with their looks.

It is absolutely a must see movie that deserves to enter history, as it has, probably, already done.

Synopsis

In 1940, during the early days of World War II, hundreds of thousands of Allied soldiers from Britain, Belgium and Canada find themselves trapped on the beach of the French coastal town of Dunkirk as they face an impossible crisis. They’ve been cut off and surrounded by ruthless German Nazi troops. Over the course of eight days, the men must struggle to survive and hope for rescue.

Recensione

Il film è ambientato durante la seconda guerra mondiale, e si incentra sulla terribile evacuazione verso la Gran Bretagna di circa 400000 soldati alleati dalla spiaggia di Dunkerque sotto la minaccia dell’esercito tedesco.

Nolan pone la vicenda su tre terreni di battaglia e tre unità di tempo (una settimana sulla spiaggia dove i soldati aspettavano la loro sorte, un giorno in mare seguendo una delle imbarcazioni civili che parteciparono al salvataggio, un’ora in cielo seguendo l’eroico pilota di uno spitfire), tre punti di vista che il regista e sceneggiatore converge in un unico presente con abilità straordinaria.

Nel film sono fondamentali la fotografia e la colonna sonora, tutto passa attraverso l’immagine e il suono, i rumori sono resi talmente bene che alcuni veterani di Dunkirk che hanno visto l’anteprima con l’attore Branagh, hanno affermato che i suoni nel film sono anche più intensi di quelli che hanno sentito nella realtà in quei drammatici giorni.

Ogni fotogramma è una fotografia piena di significato, ogni suono è reso benissimo, la colonna sonora è perfetta e mantiene la tensione altissima in ogni momento, l’unione di tutti questi elementi, insieme ad alcuni silenzi da brivido, fanno di Dunkirk una vera e propria opera d’arte. Il film può essere descritto come un quadro in movimento che compie una danza intorno allo spazio e al tempo.

La resa dei tempi dimostra la bravura di Nolan, tutto il film è un avanti e indietro, come le onde che si infrangono sulla spiaggia, come i soldati che hanno una speranza di fuggire e poi vengono riportati dal mare sulla spiaggia, il tempo stesso che va avanti e indietro, è un ticchettio simile a quello di un orologio rotto, come quello scandito dalla musica e dai battiti del cuore. Tutto ciò rappresenta anche la corsa contro il tempo che i soldati, colpiti dai tedeschi via mare, via terra e via cielo, si trovarono a compiere per cercare di andarsene da quella spiaggia da cui “si può quasi vedere casa” e tornare in Inghilterra, mentre facevano il conto alla rovescia fino alla successiva alta marea.

È come se la spiaggia di Dunkirk fosse un limbo, con i soldati che aspettano la loro sorte ignari di ciò che gli accadrà

È un nuovo genere di film bellico, non esiste la retorica, l’eroismo, la gloria: tutti i soldati sono anonimi sia che siano eroi sia che siano codardi o entrambe le cose; non ci sono eroi, solo ragazzi e uomini che vogliono tornare a casa, “surviving is enough” come l’ennesimo personaggio anonimo con alcune immagini particolari evidenzia la solitudine e la disperazione che la guerra provoca. Non è un film di guerra in cui ci sono buoni e cattivi, qui il nemico è un’ombra, e non ha un ruolo centrale.

La guerra di Nolan è fatta di gente che muore o che sopravvive ma sentendo gravare su di sé un senso inutile e ingenuo di disonore e delusione derivante dalla retorica di Churchill.

Il salvataggio dei soldati non è considerato una vittoria ma il contenimento di una sconfitta.

È un film che può tranquillamente essere definito arte, alcuni lo hanno definito un capolavoro impressionista, e soprattutto, grazie anche alla bravura di tutto il cast, riesce ad onorare la storia vera.

I dialoghi ridotti al minimo, ma ogni parola detta ha un significato profondo e gli attori, bravissimi, riescono a rendere tutto il resto con i soli sguardi.

È un film assolutamente da vedere che merita di entrare nella storia, come probabilmente ha già fatto.

Maggio, 1940. Sulla spiaggia di Dunkirk 400.000 soldati inglesi si ritrovano accerchiati dall’esercito tedesco. Colpiti da terra, da cielo e da mare, i britannici organizzano una rocambolesca operazione di ripiegamento. Il piano di evacuazione coinvolge anche le imbarcazioni civili, requisite per rimpatriare il contingente e continuare la guerra contro il Terzo Reich.

CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR Review (5/5) {Now on Blu-Ray and DVD}

57742fdeb96daThe movie is the 13th of the Marvel Cinematic Universe, as well as the 1st of the so-called “phase three”. Written by Christopher Marcus and Stephen McFeely, it is a partial adaptation of the comic strips crossover Civil War by Mark Miller and it has been directed by Anthony and Joe Russo. The producer is Kevin Feige and the executive producers are Stan Lee, Nate Moore, Victoria Alonso, Patricia Whitcher and Louis D’Esposito. The formidable cast is composed of Robert Downey Jr., Chris Evans, Scarlett Johansson, Sebastian Stan, Anthony Mackie, Don Cheadle, Jeremy Renner, Chadwick Boseman, Paul Bettany, Elizabeth Olsen, Paul Rudd, Emily VanCamp, Tom Holland, Frank Grillo, William Hurt and Daniel Brühl.

In Captain America: Civil War the heroes are seen from a new perspective, actually the whole movie is in a certain way new: we don’t find anymore the usual evil character that with innovative weapons or with dreadful technologies tries to defeat “the good guys” and that is always defeated. Here we have a new kind of villain, even more wicked, that contrives a new way to eliminate the Avengers. As all the Marvel movies, also this one is strictly (maybe even more than the others) connected to the previous movies (particularly to Avengers, Avengers Age of Ultron, Captain America: The Winter Soldier…), and this is one of the main production company characteristics. We see friendship as a central role, both in its negative and positive issues (for example the friendship between Black Widow and Captain America in a difficult moment). The fight’s development is absolutely magnificent and it keeps high suspense during the whole movie, especially as regards the two protagonists, Iron Man and Captain America. In fact, these two characters achieve a new development during the movie, both in their personalities and in their actions. The most fascinating and maybe – in this movie – the most anguished character is the one of Tony Stark, obviously wonderfully interpreted by Robert Downey Jr. The movie is full of all kinds of chases (flying, by car, by motorcycle, by foot…) and exciting, adrenaline and “innovative” fights (for example some without armour fighting or with constant twists and new “strategies”). There are certainly at least two of the most beautiful fights in all Marvel movies. The heroes grow in numbers (maybe they are even too many) but along with them, also the special effects (that are always more astonishing) and the irony (even if there are more dramatic scenes than usual) increase.

Movie’s locations are really beautiful, in fact it was filmed in several cities, even if they never are the centre of attention. The music (by Henry Jackman) obviously does its duty, and if you focus to the listening, you realize that it is beautiful; but the movie takes so much that the soundtrack is not noted if you doesn’t pay attention to it. The cast is, as always, perfect and the characters seem tailored to the actors. The movie flows fast without any moments of slowdown: it is absorbing and simply amazing. With Captain America: Civil War Marvel almost reaches the level of the always-incomparable Avengers, first movie in which the “original” avengers appear all together. What we are talking about is a must-see movie (obviously if you like this kind of movie), a movie in which the production company did not save money on cast, on special effects, on chases and on adrenaline. Surely, it is one of the best Marvel movie ever.

SYNOPSIS
Marvel’s “Captain America: Civil War” finds Steve Rogers leading the newly formed team of Avengers in their continued efforts to safeguard humanity. But after another incident involving the Avengers results in collateral damage, political pressure mounts to install a system of accountability, headed by a governing body to oversee and direct the team. The new status quo fractures the Avengers, resulting in two camps—one led by Steve Rogers and his desire for the Avengers to remain free to defend humanity without government interference, and the other following Tony Stark’s surprising decision to support government oversight and accountability.

RECENSIONE
Il film è il 13° della Marvel Cinematic Universe, nonché 1* della cosiddetta “Terza Fase”. È un adattamento parziale del crossover a fumetti Civil War di Mark Miller ed è stato diretto da Anthony e Joe Russo e sceneggiato da Christopher Marcus e Stephen McFeely. il produttore è Kevin Feige e i produttori esecutivi Stan Lee , Nate Moore, Victoria Alonso, Patricia Whitcher e Louis D’Esposito. Il formidabile cast è formato da: Robert Downey Jr., Chris Evans, Scarlett Johansson, Sebastian Stan, Anthony Mackie, Don Cheadle, Jeremy Renner, Chadwick Boseman, Paul Bettany, Elizabeth Olsen, Paul Rudd, Emily VanCamp, Tom Holland, Frank Grillo, William Hurt e Daniel Brühl.

Captain America: Civil War propone dei supereroi visti da una nuova prospettiva, in realtà tutto il film è in un certo modo nuovo: non si ha più il solito villain che con armi innovative o alieni o tecnologie spaventose cerca di sconfiggere i buoni per poi essere puntualmente sconfitto. Si trova qui invece un nuovo genere di cattivo, persino più malvagio che escogita un nuovo modo per eliminare gli Avengers. Come tutti i film Marvel anche questo è strettamente (forse anche più degli altri) legato ai film precedenti (in particolare: Avengers, Avengers Age of Ultron, Captain America: The Winter Soldier..) , e questa in fin dei conti è una delle principali caratteristiche della casa di produzione. Come possiamo notare l’amicizia ha un ruolo centrale, sia nei suoi aspetti negativi che in quelli positivi (come nel caso di Vedova Nera e Captain America in un momento difficile). Lo svilupparsi dello scontro è assolutamente magnifico, e tiene lo spettatore con il fiato sospeso durante tutto lo svolgimento del film, soprattutto per quanto riguarda i due protagonisti della vicenda Iron Man e Captain America. Questi due personaggi infatti raggiungono durante il film un nuovo sviluppo, nei loro caratteri e nelle loro azioni. In particolare il personaggio più affascinante e forse in questo film anche il più tormentato è quello di Tony Stark, ovviamente interpretato magnificamente da Robert Downey Jr. Il film è colmo di inseguimenti di tutti i tipi (in volo, in moto, in macchina, di corsa…), combattimenti emozionanti, adrenalinici e “innovativi” (per esempio alcuni combattimenti senza armature o con continui colpi di scena e nuove “strategie”). Di sicuro in Captain America: Civil War ci sono almeno due fra gli scontri più belli in assoluto dei film Marvel. Gli eroi aumentano ancora di numero (quasi troppo forse) ma insieme a loro aumentano anche gli effetti speciali che sono sempre più sbalorditivi e l’ironia, nonostante ci siano più scene drammatiche del solito.
I luoghi del film sono molto belli, infatti è stato girato in diverse città anche se non sono mai al centro dell’attenzione. La musica (di Henry Jackman) fa ovviamente il suo dovere, e se ci si concentra ad ascoltarla è molto bella, ma il film prende talmente tanto lo spettatore che la colonna sonora si nota a malapena se non ci si focalizza su di essa. Il cast come sempre è perfetto, i personaggi sembrano disegnati sugli attori. Il film procede velocemente senza alcun momento di pausa, è avvincente e semplicemente fantastico. Con Captain America: Civil War la Marvel quasi raggiunge il livello del sempre inarrivabile Avengers primo film in cui i vendicatori “originali” compaiono tutti insieme.

Quello di cui stiamo parlando è un film assolutamente da vedere (ovviamente se piace il genere) in cui la casa di produzione non ha risparmiato né sul cast, né sugli effetti speciali, né sull’adrenalina o sugli inseguimenti. È sicuramente uno dei più bei film Marvel di sempre.

SINOSSI
Il film Marvel Captain America: Civil War vede Steve Rogers al comando della nuova squadra degli Avengers, intenti a proseguire la loro lotta per salvaguardare l’umanità. Ma, quando un altro incidente internazionale in cui sono coinvolti gli Avengers provoca dei danni collaterali, le pressioni politiche chiedono a gran voce l’installazione di un sistema di responsabilità, presieduto da un consiglio d’amministrazione che sorvegli e diriga il team. Questa nuova dinamica divide gli Avengers in due fazioni: una è capeggiata da Steve Rogers, il quale desidera che gli Avengers rimangano liberi dalle interferenze governative, mentre l’altra è guidata da Tony Stark, che ha sorprendentemente deciso di sostenere il sistema di vigilanza istituito dal governo

THE MAGNIFICENT SEVEN review (evaluation/voto 5/5)

the-magnificent-seven_146711200300

Closing movie and out of competition, The Magnificent Seven has been presented by the director Antoine Fuqua and by the actors Denzel Washington and Chris Pratt (with even two horses on the red carpet) at the 73° Venice film festival. The movie has been produced by Rogers Birnbaum and Todd Black and dramatised by Nick Pizzolato and Richard Wenk.

The movie is a remake of the homonymous film by John Sturges of 1960,  which is in turn the remake of The Seven Samurai by Akira Kurosawa and is a movie to be seen, even if you are not fan of westerns. With an exceptional cast – Denzel Washington, Chris Pratt, Ethan Hawke – the movie has got a standing ovation in the Sala Grande at the festival. The director Antoine Fuqua (Olympus has fallen, Southpaw, Training Day, The Equalizer, King Arthur) declared that working on the remake of The Magnificent Seven  “was a dream come true” . He also said: “I remember what that movie did to me, so hopefully it will resonate with people that way, because it’s special, man”. And the passion Fuqua put in making the movie, came through in the effect that the movie had on the public during the premiere, enthusiastic of the director’s work. The fantastic cast, led by Denzel Washington, is without doubt a key element for the movie success, and their acting is nearly impeccable. Moreover dialogs are well studied and ironic to the right point. Characters are very defined (starting from Sam Chisolm whose story is slowly disclosed along the movie) even if the group is not perfectly cemented. Chris Pratt always works, especially in ironic and a little insolent characters as the Star-Lord of Guardians of the Galaxy. Moreover we find an Ethan Hawke (Goodnight Robicheaux) struggling with dramas of the past, and Vincent D’Onofrio into the shoes of a big man , violent but sensible.

Another really extraordinary element in this movie is photography, with breathtaking  scenes settled in the desert at sunset, with horses on the horizon, perfect western locations and costumes that certainly contribute to create the right atmosphere. Not to mention the wonderful music, “secret” opera of James Horner, tragically passed away before the end of the movie making. The composer had written the soundtrack based on the screenplay unbeknown even to Fuqua.

The movie definitely recalls the characteristics of old westerns (saloons, terrified citizens, gunmen and dusty towns) but renewing the genre (for example no more weak woman and several main characters from different ethnics). Needless to say, special effects are excellent and the movie flows so fast that it seems shorter than how actually is. As the director himself said during the press conference, the movie’s principal aim is entertaining the public, it has not yet politic meaning but the one that can be given by who watches the movie.

In conclusion Antoine Fuqua, who was fascinated by the first The Magnificent Seven when he was 12 years old, surely did justice to it, making an adrenaline, at times ironic, full of shots and explotions movie but also characterized by a quite deep characters analysis.

 

SYNOPSIS

With the sleepy town of Rose Creek under the deadly control of industrialist Bartholomew Bogue, the desperate townspeople, led by Emma Cullen, employ protection from seven outlaws, bounty hunters, gamblers and hired guns – Sam Chisolm (Denzel Washington), Josh Farraday (Chris Pratt), Goodnight Robicheaux (Ethan Hawke), Jack Horne (Vincent D’Onofrio), Billy Rocks (Lee Byung-hun), Vasquez (Manuel Garcia-Rulfo), Red Harvest (Martin Sensmeier). As they prepare the town for the violent showdown that they know is coming, these seven mercenaries find themselves fighting for more than money.

 

RECENSIONE

Film di chiusura e fuori concorso, The Magnificent Seven è stato presentato dal regista Antoine Fuqua e dagli attori Denzel Washington e Chris Pratt (con tanto di cavalli sul red carpet) alla 73° mostra del cinema di Venezia. Il film è stato prodotto da Rogers Birnbaum e Todd Black e sceneggiato da Nick Pizzolato e Richard Wenk.

Il film, rifacimento dell’omonimo lavoro di John Sturges del 1960, a sua volta remake de I sette samurai di Akira Kurosawa, è un film che vale assolutamente la pena vedere, persino se non si è fan del genere western. Con un cast d’eccezione -Denzel Washington, Chris Pratt, Ethan Hawke – il film ha ottenuto una standing ovation dopo la proiezione in Sala Grande alla mostra. Il regista Antoine Fuqua (Olympus has fallen, Southpaw, Training Day, The Equalizer, King Arthur) ha dichiarato che girare il remake di The Magnificent Seven del 1960 “Era l’avverarsi di un sogno” e ha detto anche “Ricordo cosa quel film ha fatto a me, e spero colpirà la gente allo stesso modo, perché è davvero speciale!”. E questa passione che Fuqua ha messo nel girare il film, trapela nell’effetto che il film effettivamente ha avuto sul pubblico alla prima, entusiasta del lavoro di regista. Il fantastico cast, guidato da Denzel Washington, è senza dubbio un aspetto fondamentale per la buona riuscita del film, e la loro recitazione e pressoché impeccabile. I dialoghi inoltre sono ben studiati e ironici al punto giusto. I personaggi sono molto caratterizzati (a partire da Sam Chisolm e la sua storia passata che viene svelata una piccola parte alla volta durante il film) anche se forse il gruppo è poco cementato. Chris Pratt funziona sempre, soprattutto in personaggi ironici e un po’ strafottenti qui come nello Star-Lord di Guardians of the Galaxy . Inoltre si trovano un Ethan Hawke (Goodnight Robicheaux) alle prese con i drammi del passato, e Vincent D’Onofrio nei panni di un omone violento ma sensibile.

Un altro elemento davvero straordinario in questo film è la fotografia, con scene mozzafiato ambientate nel deserto al tramonto, con cavalli all’orizzonte, delle ambientazioni perfette per il genere, e abiti di scena che contribuiscono sicuramente a creare l’atmosfera giusta. Per non parlare della musica meravigliosa, opera “segreta” di James Horner, tragicamente scomparso prima della fine delle riprese. Il compositore aveva scritto la colonna sonora basandosi sulla sceneggiatura all’insaputa persino di Fuqua. Di sicuro è un film che riprende le caratteristiche dei film western di una volta (i saloon, i cittadini terrorizzati, i pistoleri e le cittadine impolverate) ma rinnova anche il genere (come la presenza di una donna non più debole e di protagonisti di diverse etnie). Neanche a dirlo gli effetti speciali sono ottimi e il film scorre velocemente tanto da sembrare più breve di quanto lo sia realmente.

Come ha detto lo stesso regista durante la conferenza stampa, lo scopo principale del film è intrattenere il pubblico, non contiene alcun significato politico se non quello he gli può attribuire chi guarda il film.

In conclusione Antoine Fuqua, che vide il film del ’60 a dodici anni gli ha sicuramente reso giustizia, girando un film adrenalinico, a tratti ironico, pieno di spari ed esplosioni ma anche caratterizzato dall’analisi piuttosto profonda dei personaggi.

 

SINOSSI

Quando la sonnacchiosa città di Rose Creek si ritrova sotto il tallone di ferro del magnate Bartholomew Bogue, per trovare protezione i cittadini disperati, capeggiati da Emma Cullen, assoldano sette fuorilegge, cacciatori di taglie, giocatori d’azzardo e sicari: Sam Chisolm (Denzel Washington), Josh Farraday (Chris Pratt), Goodnight Robicheaux (Ethan Hawke), Jack Horne (Vincent D’Onofrio), Billy Rocks (Lee Byung-hun), Vasquez (Manuel Garcia-Rulfo), Red Harvest (Martin Sensmeier). Mentre preparano la città per la violenta resa dei conti che sanno essere imminente, i sette mercenari si scoprono a lottare per qualcosa che va oltre il denaro.

721723

 

 

AVENGERS:AGE OF ULTRON REVIEW / RECENSIONE (evaluation/voto: 5/5)



MAIN DATA

Avengers: Age of Ultron is a 2015 American superhero film based on the Marvel Comics superhero team the Avengers, produced by Marvel Studios and distributed by Walt Disney Studios Motion Pictures. It is the sequel to 2012’s The Avengers and the eleventh installment in the Marvel Cinematic Universe (MCU). In Avengers: Age of Ultron, the Avengers must work together to defeat Ultron, a technological enemy bent on human extinction.

The sequel was announced in May 2012, after the successful release of The Avengers. Whedon, the director of the first film, was brought back on board in August and a release date was set. By April 2013, Whedon had completed a draft of the script, and casting began in June with the re-signing of Downey. Second unit filming began in February 2014 in South Africa with principal photography taking place between March and August 2014. The film was primarily shot at Shepperton Studios in Surrey, with additional footage filmed in Italy, South Korea, Bangladesh, New York, and various locations around England.

Avengers: Age of Ultron premiered in Los Angeles on April 13, 2015, and is scheduled to be released on May 1, 2015, in North America, in 3D and IMAX 3D. Two sequels, Avengers: Infinity War Part 1 and Avengers: Infinity War Part 2, are scheduled to be released on May 4, 2018, and May 3, 2019, respectively.

SHORT PLOT

When Tony Stark tries to jumpstart a dormant peacekeeping program, things go awry and Earth’s Mightiest Heroes, including Iron Man, Captain America, Thor, The Incredible Hulk, Black Widow and Hawkeye, are put to the ultimate test as the fate of the planet hangs in the balance. 

As the villainous Ultron emerges, it is up to The Avengers to stop him from enacting his terrible plans, and soon uneasy alliances and unexpected action pave the way for an epic and unique global adventure.


REVIEW

“Avengers: Age of Ultron” responds in full to the expectations and the most appropriate adjective to describe it might be, as for all Marvel movies, “fantastic”. As usual Joss Whedon astonishes for the action scenes, but this time he paints his characters with much more humanity.

In fact, the film focuses on their fears and many things never known about Iron Man, Thor, black widow and the others will be unveiled . Hawkeye/Clint Barton has from the outset more importance than in the first “Avengers”.

The comedy is still the hallmark of the Marvel Superheroes. EPIC the joke: “We’re fighting an army of robots, and I have a bow and arrow, none of this makes any sense”

Very strong and very beautiful the “robotic element”. As always, spectacular special effects and a stellar cast. Chief among all Robert Downey Jr. but this time stood also Jeremy Renner.

 It is, of course, a must-see movie (both 3D and 2D).

——————————————————————————————————————

ALCUNE INFORMAZIONI 

Avengers: Age of Ultron è un film americano del 2015 basato sul team di supereroi Avengers della Marvel Comics, prodotto da Marvel Studios e distribuito dalla Walt Disney Studios Motion Pictures. E’ il sequel di The Avengers (film del 2012) e l’undicesimo capitolo della Marvel Cinematic Universe (MCU). In Avengers: Age of Ultron, i Vendicatori devono lavorare insieme per sconfiggere Ultron, un nemico tecnologico concentrato sull’ estinzione umana.

Il sequel è stato annunciato nel maggio 2012, dopo l’uscita di successo di The Avengers. Entro l’aprile del 2013, Whedon (che era stato anche il regista del primo film) aveva completato una bozza della sceneggiatura, e il casting ha avuto inizio nel mese di giugno con la ri-firma di Downey. Il film è stato girato principalmente a Shepperton Studios di Surrey, e poi anche in Italia, Corea del Sud, Bangladesh, New York, e in varie località vicine all’Inghilterra.

Avengers: Age of Ultron ha debuttato a Los Angeles il 13 aprile 2015. È prevista l’uscita di due sequel, Avengers: Infinity War Part 1 e Avengers: Infinity War Part 2,in uscita rispettivamente il 4 maggio 2018, e 3 maggio 2019.

BREVE TRAMA

Quando Tony Stark cerca di avviare un programma per mantenere la pace, le cose vanno male e i più potenti eroi della Terra, tra cui Iron Man, Capitan America, Thor, Hulk, Vedova Nera e Occhio di Falco, sono messi a dura prova e il destino del pianeta è in bilico.

Nel momento in cui emerge il malvagio Ultron, spetta agli Avengers impedirgli di attuare i suoi terribili piani e presto difficili alleanze e azioni inaspettate prepareranno la strada per un’avventura globale, epica e unica.

RECENSIONE 

Avengers: Age of Ultron risponde in pieno alle aspettative e l’aggettivo più appropriato per descriverlo potrebbe essere, come per tutti i film Marvel,  “fantastico”. Joss Whedon al solito stupisce per le scene d’azione ma questa volta dipinge i suoi personaggi con molta più umanità . 

Il film infatti è incentrato sulle loro paure e si scoprono cose mai sapute su Iron Man, Thor, Vedova Nera e tutti gli altri. Occhio di Falco/ Clint Barton ha fin dall’inizio più importanza rispetto al primo “Avengers”.

La comicità rimane comunque il tratto distintivo dei supereroi Marvel. Epica la battuta: “E’ colpa vostra è colpa di tutti, chi se ne frega. Ce la fai a combattere? Ce la fai? Senti, devo saperlo perché la città sta volando, affrontiamo un esercito di robot e io ho un arco e delle frecce, nulla di tutto questo ha senso.”

 Molto forte e molto bello l’”elemento robotico”. Effetti speciali, come sempre, spettacolari, cast stellare, primo fra tutti Robert Downey Jr. ma questa volta si è distinto molto anche Jeremy Renner.

Film assolutamente da vedere (sia in 3D che in 2D)

Guardians of the Galaxy (Guardiani della galassia)

Guardians of the Galaxy

Guardiani della Galassia

GUARDIANI DELLA GALASSIA (voto:5/5)

Guardiani della Galassia è un film del 2014 diretto da James Gunn. Prodotto dai Marvel Studios e distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures è il decimo film del Marvel Cinematic Universe e quarta pellicola della cosiddetta Fase Due. L’audace esploratore Peter Quill è inseguito dai cacciatori di taglie per aver rubato una misteriosa sfera ambita da Ronan, un essere malvagio la cui sfrenata ambizione minaccia l’intero universo. Per sfuggire all’ostinato Ronan, Quill è costretto a una scomoda alleanza con quattro improbabili personaggi: Rocket, un procione armato; Groot, un umanoide dalle sembianze di un albero; la letale ed enigmatica Gamora e il vendicativo Drax il Distruttore. Ma quando Quill scopre il vero potere della sfera e la minaccia che costituisce per il cosmo, farà di tutto per guidare questa squadra improvvisata in un’ultima, disperata battaglia per salvare il destino della galassia. Se si cercano tre parole per descrivere questo film, queste sono sicuramente: ironia, fantascienza e originalità.                                                                                                                                                           Gli effetti speciali sono ottimi come per tutti i film della Marvel. Ma è il primo “vero” film di fantascienza della Marvel. I guardiani sono un nuovo tipo di eroi: non sono più i soliti supereroi ma dei malviventi inizialmente interessati solo al guadagno (eccetto Gamora che cerca vendetta). Il film è divertente, fatto benissimo e la simpatia di Groot e Rocket  e il fascino di Star-Lord (Chris Pratt) fanno il resto. Film assolutamente da vedere.

GUARDIANS OF THE GALAXY (estimation: 5/5)

Guardians of the Galaxy

Guardians of the Galaxy

Guardians of the Galaxy is a 2014 movie written and directed by James Gunn. Produced by Marvel Studios and distributed by Walt Disney Studios Motion Pictures is the tenth film of the Marvel Cinematic Universe and the fourth film of the so-called phase two.

The daring Explorer Peter Quill is chased by bounty hunters for stealing a mysterious sphere coveted by Ronan, a villain whose unbridled ambition threatens the entire universe. To escape the obstinate Ronan, Quill is forced into an uncomfortable Alliance with four improbable characters: Rocket, a raccoon armed; Groot, a humanoid-like a tree; the lethal and enigmatic Gamora and the vengeful Drax the destroyer. But when Quill discovers the true power of the ball and the threat that poses to the cosmos, will do anything to drive this improvised team in one last, desperate battle to save the fate of the Galaxy.

If you are looking for three words to describe this movie, these are definitely: irony, sci-fi and originality. The special effects are great as all Marvel films. But it’s the first real sci-fi movie of Marvel. The guardians are a new type of Heroes: they are no longer the usual superhero but criminals initially only interested to gain (except Gamora and Drax who seek revenge). The movie is funny, did very well and the sympathy of Groot and Rocket and the charm of Star-Lord (Chris Pratt) do the rest. Must-see movie.

CAST AND CHARACTERS/INTERPRETI E PERSONAGGI:

Chris Pratt: Peter Quill/ Star-Lord

Zoë Saldaña: Gamora

David Bautista: Drax the Destroyer

Lee Pace: Ronan

Benicio del Toro: Taneleer Tivan/ Collector

Karen Gillan: Nebula

Josh Brolin: Thanos

Vin Diesel: Groot

Bradley Cooper: Rocket Raccoon

Must