The Greatest Showman Review (evaluation: 5/5)

This slideshow requires JavaScript.

(testo italiano subito dopo)

It’s an explosion of music, colours, grit, energy, joy and desire to dream that can’t disappoint you and that you don’t have to miss. The genre is not my favourite but this film, as well as not being the usual’ 50s/’ 60s musical, is abstracted from any categorisation or label, and is simply objectively beautiful and has to be seen for its ability to convey joy. The film starts with a bang, right from the first scene you would like to get up and move around the whole cinema. Hugh Jackman said that they were inspired by Steve Jobs’ Apple presentations for the opening scene and they certainly achieved their goal.

Hugh Jackman (P. T. Barnum) was born for this role, shines in his red costume with his hat, he’s fantastic in the film but also on the set, where he managed to involve everyone with his spirit and where he was able to transfer all his passion and commitment that led him to such a result.
The cast is exceptional, from the protagonists to the last of the extras, and is able to transport you into a magical world, letting you escape from reality for the entire duration of the film. Keala Seattle (the bearded woman) has an exceptional talent and scenic presence, Zac Efron and Zendaya are perfect for their roles and very gifted also in singing and dancing. The energetic choreographies and songs that are very catchy and never tiring, are of a higher level than most other musicals. The costumes are, to say the least, iconic and perfect for the era in which the film is set, the costume of Hugh Jackman (and not only his) will certainly enter the history of cinema and entertainment. Lights, colours and special effects are also perfect. The plot is almost always clear and the dialogues are very good; someone could complain some shadows in the screenplay – for example in the introspection of some characters – but I think these elements are completely irrelevant especially considering that this film, as well as being a show with the capital S, is a real praise of diversity and tells and celebrates the things that are worth living for most: love, art, friendship, adventure, courage, solidarity, trust and mutual respect.
The only “negative” note that we can perhaps add is that the love story between Zac Efron and Zendaya could have been a little more detailed, but I write this because it is so beautiful and well interpreted by the actors that I regret that it has not been given more importance.
If you nominate the circus today it is likely that you twist your nose but in the mid-nineteenth century it was really the greatest spectacle, in which you could see the strangest things that at the time you could only admire there and really amazed; you could find many similarities between the circus of the time and the cinema of today.
However, it is a film during which you don’t get bored for even a moment and suitable for everyone.
Hugh Jackman is truly the biggest showman and this film is really the biggest show you can really want to see.

The noblest art is that of making others happy (P.T. Barnum)

Directed by Michael Gracey
Produced by
  • Laurence Mark
  • Peter Chernin
  • Jenno Topping
Screenplay by
  • Jenny Bicks
  • Bill Condon
Story by Jenny Bicks
Starring
  • Hugh Jackman
  • Zac Efron
  • Michelle Williams
  • Rebecca Ferguson
  • Zendaya
Music by
  • John Debney
  • Joseph Trapanese
Cinematography Seamus McGarvey
Edited by
  • Tom Cross
  • Robert Duffy
  • Joe Hutshing
  • Michael McCusker
  • Jon Poll
  • Spencer Susser
Production
company
  • Chernin Entertainment
  • Seed Productions
  • Laurence Mark Productions
  • TSG Entertainment
Distributed by 20th Century Fox
Release date
  • December 8, 2017 (RMS Queen Mary 2)
  • December 20, 2017(United States)
Running time
105 minutes
Country United States
Language English
Budget $84 million
Box office $361.5 million

Recensione The Greatest Showman (voto: 5/5)

È un’esplosione di musica, colori, grinta, energia e voglia di sognare che non potrà assolutamente deludervi e che non dovete perdere. Il genere non rientra fra i miei preferiti ma questo film, oltre a non essere il solito musical anni ’50/’60, si astrae da ogni categorizzazione o etichetta ed è semplicemente oggettivamente bello e da vedere per la sua capacità di trasmettere gioia. Il film inizia col botto, fin dalla prima scena ci si vorrebbe alzare e muoversi per tutta la sala. Hugh Jackman ha affermato che per la scena iniziale si sono ispirati alle presentazioni della Apple di Steve Jobs e di sicuro hanno raggiunto l’obiettivo che si erano prefissati.

Hugh Jackman (P.T. Barnum) è nato per questo ruolo, brilla nel suo costume rosso col cappello, è fantastico nel film ma anche sul set, dove è riuscito a coinvolgere tutti con il suo spirito e dove ha saputo trasferire tutta la sua passione e il suo impegno che lo hanno portato ad un simile risultato.

Il cast è eccezionale, dai protagonisti all’ultima delle comparse, ed è in grado di trasportarvi in un mondo magico facendovi evadere dalla realtà per tutta la durata del film. Keala Seattle (la donna barbuta) ha un talento e una presenza scenica eccezionali, Zac Efron e Zendaya sono perfetti per i loro ruoli e molto dotati anche nel canto e nella danza. Le coreografie, piene di energia, e le canzoni molto orecchiabili e che non stancano mai, sono di un livello superiore rispetto alla maggior parte degli altri musical. I costumi sono a dir poco iconici e perfetti per l’epoca in cui è ambientato il film, il costume di Hugh Jackman (e non solo il suo) entrerà di certo nella storia del cinema e dello spettacolo. Anche le luci, i colori e gli effetti speciali sono perfetti. La trama è quasi sempre chiara e i dialoghi molto buoni; qualcuno potrebbe lamentare alcune ombre nella sceneggiatura – per esempio nell’introspezione di alcuni personaggi – ma io credo che questi elementi siano del tutto ininfluenti soprattutto considerando che questo film, oltre a essere uno spettacolo con la S maiuscola, è un vero e proprio elogio della diversità e racconta e celebra le cose per cui vale la pena vivere: amore, arte, amicizia, avventura, coraggio, solidarietà, fiducia e rispetto reciproco.

L’unica nota “negativa” che forse si può rilevare è che la storia d’amore fra Zac Efron e Zendaya poteva essere approfondita un po’ di più ma scrivo questo perché è talmente bella e ben interpretata dagli attori che dispiace che non le sia stato dato maggiore spazio.

Se si nomina il circo oggi è probabile storcere il naso ma a metà ’800 era davvero il più grande spettacolo, in cui si potevano vedere le cose più strane che all’epoca si potevano ammirare solo lì e stupivano veramente; si potrebbero scovare molte analogie fra il circo dell’epoca e il cinema di oggi.

Comunque è un film durante il quale non ci si annoia neanche un attimo e adatto a tutti.

Hugh Jackman è veramente il più grande showman e questo film è davvero il più grande spettacolo che si possa desiderare vedere.

The noblest art is that of making others happy (P.T. Barnum)

Dunkirk Review (voto/evaluation: 5/5)

This slideshow requires JavaScript.

Directed by
Christopher Nolan
Produced by
Emma Thomas
Christopher Nolan
Written by
Christopher Nolan
Music by
Hans Zimmer
Cinematography
Hoyte van Hoytema
Edited by
Lee Smith
Production companies
Syncopy Inc.
Distributed by
Warner Bros. Pictures

Cast

  • Fionn Whitehead as Tommy
  • Tom Glynn-Carney as Peter
  • Jack Lowden as Collins, a Royal Air Force Spitfire pilot
  • Harry Styles as Alex
  • Aneurin Barnard as “Gibson”, a French soldier masquerading as a British Army private
  • James D’Arcy as Colonel Winnant
  • Barry Keoghan as George Mills
  • Kenneth Branagh as Commander Bolton
  • Cillian Murphy as Shivering Soldier
  • Mark Rylance as Mr Dawson
  • Tom Hardy as Farrier, a Royal Air Force Spitfire pilot

Review

The movie is set during the Second World War, based on the terrible evacuation of about 400,000 allied soldiers from the Dunkirk beach under the threat of the German Army.

Nolan puts the story on three battlefields and three different units of time (one week on the beach where the soldiers waited their fate, one day at sea following one of the civilian boats that took part in the rescue, an hour in the sky following the heroic pilot of a spitfire), three views that the director and screenwriter converge into a single present with extraordinary ability.

In the movie, photography and soundtrack are fundamental, everything goes through image and sound, noises are made so good that some Dunkirk veterans who have previewed it with the actor Branagh said that the movie’s sounds in films are even  more intense than those they have felt in reality in those dramatic days.

Each frame is a full-featured photograph, each sound is vivid, the soundtrack is perfect and keeps the highest tension all the time, the union of all these elements, along with some shivering silences, make Dunkirk a real and own work of art. The film can be described as a moving picture that performs a dance around space and time.

Nolan’s masters the perfect timing of the scenes, all the film is back and forth, like the waves crashing on the beach, like the soldiers who have a hope of escaping and are then brought back from the sea to the beach, time itself goes back and forth, as the ticking of a broken clock, like that beated by music and heartbeats. This also represents the race against the time that the soldiers run, struck by the Germans by sea, by land and by the sky,  trying to get away from that beach from which “you can almost see home” and return to England, while counting down to the next high tide.

Dunkirk’s beach is a kind of limbo, with soldiers waiting for their fate unaware of what’s going to happen

It is a new kind of war movie, there is no rhetoric, no heroism, no glory: all soldiers are anonymous either they are heroes or they are cowards or both; there are no heroes, only boys and men who want to go home, “surviving is enough” as the another anonymous character with some particular pictures, highlights the solitude and despair that war causes. It is not a war movie with the  good guys and the bad guys, here the enemy is a shadow, and does not play a central role.

Nolan’s war is made of people who die or who survive, but all feel burdened with a useless and naive sense of dishonor and disappointment originate from Churchill’s rhetoric.

The rescue of soldiers is not considered a victory but the containment of a defeat.

It is a film that can be safely defined as art, some have called it an impressionist masterpiece, and above all, also thanks to the excellence of the cast, it honors the true story.

Dialogues are very limited, but each word has a profound meaning, and the exceptional actors manage to express all the rest  with their looks.

It is absolutely a must see movie that deserves to enter history, as it has, probably, already done.

Synopsis

In 1940, during the early days of World War II, hundreds of thousands of Allied soldiers from Britain, Belgium and Canada find themselves trapped on the beach of the French coastal town of Dunkirk as they face an impossible crisis. They’ve been cut off and surrounded by ruthless German Nazi troops. Over the course of eight days, the men must struggle to survive and hope for rescue.

Recensione

Il film è ambientato durante la seconda guerra mondiale, e si incentra sulla terribile evacuazione verso la Gran Bretagna di circa 400000 soldati alleati dalla spiaggia di Dunkerque sotto la minaccia dell’esercito tedesco.

Nolan pone la vicenda su tre terreni di battaglia e tre unità di tempo (una settimana sulla spiaggia dove i soldati aspettavano la loro sorte, un giorno in mare seguendo una delle imbarcazioni civili che parteciparono al salvataggio, un’ora in cielo seguendo l’eroico pilota di uno spitfire), tre punti di vista che il regista e sceneggiatore converge in un unico presente con abilità straordinaria.

Nel film sono fondamentali la fotografia e la colonna sonora, tutto passa attraverso l’immagine e il suono, i rumori sono resi talmente bene che alcuni veterani di Dunkirk che hanno visto l’anteprima con l’attore Branagh, hanno affermato che i suoni nel film sono anche più intensi di quelli che hanno sentito nella realtà in quei drammatici giorni.

Ogni fotogramma è una fotografia piena di significato, ogni suono è reso benissimo, la colonna sonora è perfetta e mantiene la tensione altissima in ogni momento, l’unione di tutti questi elementi, insieme ad alcuni silenzi da brivido, fanno di Dunkirk una vera e propria opera d’arte. Il film può essere descritto come un quadro in movimento che compie una danza intorno allo spazio e al tempo.

La resa dei tempi dimostra la bravura di Nolan, tutto il film è un avanti e indietro, come le onde che si infrangono sulla spiaggia, come i soldati che hanno una speranza di fuggire e poi vengono riportati dal mare sulla spiaggia, il tempo stesso che va avanti e indietro, è un ticchettio simile a quello di un orologio rotto, come quello scandito dalla musica e dai battiti del cuore. Tutto ciò rappresenta anche la corsa contro il tempo che i soldati, colpiti dai tedeschi via mare, via terra e via cielo, si trovarono a compiere per cercare di andarsene da quella spiaggia da cui “si può quasi vedere casa” e tornare in Inghilterra, mentre facevano il conto alla rovescia fino alla successiva alta marea.

È come se la spiaggia di Dunkirk fosse un limbo, con i soldati che aspettano la loro sorte ignari di ciò che gli accadrà

È un nuovo genere di film bellico, non esiste la retorica, l’eroismo, la gloria: tutti i soldati sono anonimi sia che siano eroi sia che siano codardi o entrambe le cose; non ci sono eroi, solo ragazzi e uomini che vogliono tornare a casa, “surviving is enough” come l’ennesimo personaggio anonimo con alcune immagini particolari evidenzia la solitudine e la disperazione che la guerra provoca. Non è un film di guerra in cui ci sono buoni e cattivi, qui il nemico è un’ombra, e non ha un ruolo centrale.

La guerra di Nolan è fatta di gente che muore o che sopravvive ma sentendo gravare su di sé un senso inutile e ingenuo di disonore e delusione derivante dalla retorica di Churchill.

Il salvataggio dei soldati non è considerato una vittoria ma il contenimento di una sconfitta.

È un film che può tranquillamente essere definito arte, alcuni lo hanno definito un capolavoro impressionista, e soprattutto, grazie anche alla bravura di tutto il cast, riesce ad onorare la storia vera.

I dialoghi ridotti al minimo, ma ogni parola detta ha un significato profondo e gli attori, bravissimi, riescono a rendere tutto il resto con i soli sguardi.

È un film assolutamente da vedere che merita di entrare nella storia, come probabilmente ha già fatto.

Maggio, 1940. Sulla spiaggia di Dunkirk 400.000 soldati inglesi si ritrovano accerchiati dall’esercito tedesco. Colpiti da terra, da cielo e da mare, i britannici organizzano una rocambolesca operazione di ripiegamento. Il piano di evacuazione coinvolge anche le imbarcazioni civili, requisite per rimpatriare il contingente e continuare la guerra contro il Terzo Reich.