Trailer of “Avengers: Infinity War”

Here is the incredible, fantastic, amazing, new trailer of Marvel studios’ Avengers: Infinity War part one!! 

“There was an idea…”

Dunkirk Review (voto/evaluation: 5/5)

This slideshow requires JavaScript.

Directed by
Christopher Nolan
Produced by
Emma Thomas
Christopher Nolan
Written by
Christopher Nolan
Music by
Hans Zimmer
Cinematography
Hoyte van Hoytema
Edited by
Lee Smith
Production companies
Syncopy Inc.
Distributed by
Warner Bros. Pictures

Cast

  • Fionn Whitehead as Tommy
  • Tom Glynn-Carney as Peter
  • Jack Lowden as Collins, a Royal Air Force Spitfire pilot
  • Harry Styles as Alex
  • Aneurin Barnard as “Gibson”, a French soldier masquerading as a British Army private
  • James D’Arcy as Colonel Winnant
  • Barry Keoghan as George Mills
  • Kenneth Branagh as Commander Bolton
  • Cillian Murphy as Shivering Soldier
  • Mark Rylance as Mr Dawson
  • Tom Hardy as Farrier, a Royal Air Force Spitfire pilot

Review

The movie is set during the Second World War, based on the terrible evacuation of about 400,000 allied soldiers from the Dunkirk beach under the threat of the German Army.

Nolan puts the story on three battlefields and three different units of time (one week on the beach where the soldiers waited their fate, one day at sea following one of the civilian boats that took part in the rescue, an hour in the sky following the heroic pilot of a spitfire), three views that the director and screenwriter converge into a single present with extraordinary ability.

In the movie, photography and soundtrack are fundamental, everything goes through image and sound, noises are made so good that some Dunkirk veterans who have previewed it with the actor Branagh said that the movie’s sounds in films are even  more intense than those they have felt in reality in those dramatic days.

Each frame is a full-featured photograph, each sound is vivid, the soundtrack is perfect and keeps the highest tension all the time, the union of all these elements, along with some shivering silences, make Dunkirk a real and own work of art. The film can be described as a moving picture that performs a dance around space and time.

Nolan’s masters the perfect timing of the scenes, all the film is back and forth, like the waves crashing on the beach, like the soldiers who have a hope of escaping and are then brought back from the sea to the beach, time itself goes back and forth, as the ticking of a broken clock, like that beated by music and heartbeats. This also represents the race against the time that the soldiers run, struck by the Germans by sea, by land and by the sky,  trying to get away from that beach from which “you can almost see home” and return to England, while counting down to the next high tide.

Dunkirk’s beach is a kind of limbo, with soldiers waiting for their fate unaware of what’s going to happen

It is a new kind of war movie, there is no rhetoric, no heroism, no glory: all soldiers are anonymous either they are heroes or they are cowards or both; there are no heroes, only boys and men who want to go home, “surviving is enough” as the another anonymous character with some particular pictures, highlights the solitude and despair that war causes. It is not a war movie with the  good guys and the bad guys, here the enemy is a shadow, and does not play a central role.

Nolan’s war is made of people who die or who survive, but all feel burdened with a useless and naive sense of dishonor and disappointment originate from Churchill’s rhetoric.

The rescue of soldiers is not considered a victory but the containment of a defeat.

It is a film that can be safely defined as art, some have called it an impressionist masterpiece, and above all, also thanks to the excellence of the cast, it honors the true story.

Dialogues are very limited, but each word has a profound meaning, and the exceptional actors manage to express all the rest  with their looks.

It is absolutely a must see movie that deserves to enter history, as it has, probably, already done.

Synopsis

In 1940, during the early days of World War II, hundreds of thousands of Allied soldiers from Britain, Belgium and Canada find themselves trapped on the beach of the French coastal town of Dunkirk as they face an impossible crisis. They’ve been cut off and surrounded by ruthless German Nazi troops. Over the course of eight days, the men must struggle to survive and hope for rescue.

Recensione

Il film è ambientato durante la seconda guerra mondiale, e si incentra sulla terribile evacuazione verso la Gran Bretagna di circa 400000 soldati alleati dalla spiaggia di Dunkerque sotto la minaccia dell’esercito tedesco.

Nolan pone la vicenda su tre terreni di battaglia e tre unità di tempo (una settimana sulla spiaggia dove i soldati aspettavano la loro sorte, un giorno in mare seguendo una delle imbarcazioni civili che parteciparono al salvataggio, un’ora in cielo seguendo l’eroico pilota di uno spitfire), tre punti di vista che il regista e sceneggiatore converge in un unico presente con abilità straordinaria.

Nel film sono fondamentali la fotografia e la colonna sonora, tutto passa attraverso l’immagine e il suono, i rumori sono resi talmente bene che alcuni veterani di Dunkirk che hanno visto l’anteprima con l’attore Branagh, hanno affermato che i suoni nel film sono anche più intensi di quelli che hanno sentito nella realtà in quei drammatici giorni.

Ogni fotogramma è una fotografia piena di significato, ogni suono è reso benissimo, la colonna sonora è perfetta e mantiene la tensione altissima in ogni momento, l’unione di tutti questi elementi, insieme ad alcuni silenzi da brivido, fanno di Dunkirk una vera e propria opera d’arte. Il film può essere descritto come un quadro in movimento che compie una danza intorno allo spazio e al tempo.

La resa dei tempi dimostra la bravura di Nolan, tutto il film è un avanti e indietro, come le onde che si infrangono sulla spiaggia, come i soldati che hanno una speranza di fuggire e poi vengono riportati dal mare sulla spiaggia, il tempo stesso che va avanti e indietro, è un ticchettio simile a quello di un orologio rotto, come quello scandito dalla musica e dai battiti del cuore. Tutto ciò rappresenta anche la corsa contro il tempo che i soldati, colpiti dai tedeschi via mare, via terra e via cielo, si trovarono a compiere per cercare di andarsene da quella spiaggia da cui “si può quasi vedere casa” e tornare in Inghilterra, mentre facevano il conto alla rovescia fino alla successiva alta marea.

È come se la spiaggia di Dunkirk fosse un limbo, con i soldati che aspettano la loro sorte ignari di ciò che gli accadrà

È un nuovo genere di film bellico, non esiste la retorica, l’eroismo, la gloria: tutti i soldati sono anonimi sia che siano eroi sia che siano codardi o entrambe le cose; non ci sono eroi, solo ragazzi e uomini che vogliono tornare a casa, “surviving is enough” come l’ennesimo personaggio anonimo con alcune immagini particolari evidenzia la solitudine e la disperazione che la guerra provoca. Non è un film di guerra in cui ci sono buoni e cattivi, qui il nemico è un’ombra, e non ha un ruolo centrale.

La guerra di Nolan è fatta di gente che muore o che sopravvive ma sentendo gravare su di sé un senso inutile e ingenuo di disonore e delusione derivante dalla retorica di Churchill.

Il salvataggio dei soldati non è considerato una vittoria ma il contenimento di una sconfitta.

È un film che può tranquillamente essere definito arte, alcuni lo hanno definito un capolavoro impressionista, e soprattutto, grazie anche alla bravura di tutto il cast, riesce ad onorare la storia vera.

I dialoghi ridotti al minimo, ma ogni parola detta ha un significato profondo e gli attori, bravissimi, riescono a rendere tutto il resto con i soli sguardi.

È un film assolutamente da vedere che merita di entrare nella storia, come probabilmente ha già fatto.

Maggio, 1940. Sulla spiaggia di Dunkirk 400.000 soldati inglesi si ritrovano accerchiati dall’esercito tedesco. Colpiti da terra, da cielo e da mare, i britannici organizzano una rocambolesca operazione di ripiegamento. Il piano di evacuazione coinvolge anche le imbarcazioni civili, requisite per rimpatriare il contingente e continuare la guerra contro il Terzo Reich.

CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR Review (5/5) {Now on Blu-Ray and DVD}

57742fdeb96daThe movie is the 13th of the Marvel Cinematic Universe, as well as the 1st of the so-called “phase three”. Written by Christopher Marcus and Stephen McFeely, it is a partial adaptation of the comic strips crossover Civil War by Mark Miller and it has been directed by Anthony and Joe Russo. The producer is Kevin Feige and the executive producers are Stan Lee, Nate Moore, Victoria Alonso, Patricia Whitcher and Louis D’Esposito. The formidable cast is composed of Robert Downey Jr., Chris Evans, Scarlett Johansson, Sebastian Stan, Anthony Mackie, Don Cheadle, Jeremy Renner, Chadwick Boseman, Paul Bettany, Elizabeth Olsen, Paul Rudd, Emily VanCamp, Tom Holland, Frank Grillo, William Hurt and Daniel Brühl.

In Captain America: Civil War the heroes are seen from a new perspective, actually the whole movie is in a certain way new: we don’t find anymore the usual evil character that with innovative weapons or with dreadful technologies tries to defeat “the good guys” and that is always defeated. Here we have a new kind of villain, even more wicked, that contrives a new way to eliminate the Avengers. As all the Marvel movies, also this one is strictly (maybe even more than the others) connected to the previous movies (particularly to Avengers, Avengers Age of Ultron, Captain America: The Winter Soldier…), and this is one of the main production company characteristics. We see friendship as a central role, both in its negative and positive issues (for example the friendship between Black Widow and Captain America in a difficult moment). The fight’s development is absolutely magnificent and it keeps high suspense during the whole movie, especially as regards the two protagonists, Iron Man and Captain America. In fact, these two characters achieve a new development during the movie, both in their personalities and in their actions. The most fascinating and maybe – in this movie – the most anguished character is the one of Tony Stark, obviously wonderfully interpreted by Robert Downey Jr. The movie is full of all kinds of chases (flying, by car, by motorcycle, by foot…) and exciting, adrenaline and “innovative” fights (for example some without armour fighting or with constant twists and new “strategies”). There are certainly at least two of the most beautiful fights in all Marvel movies. The heroes grow in numbers (maybe they are even too many) but along with them, also the special effects (that are always more astonishing) and the irony (even if there are more dramatic scenes than usual) increase.

Movie’s locations are really beautiful, in fact it was filmed in several cities, even if they never are the centre of attention. The music (by Henry Jackman) obviously does its duty, and if you focus to the listening, you realize that it is beautiful; but the movie takes so much that the soundtrack is not noted if you doesn’t pay attention to it. The cast is, as always, perfect and the characters seem tailored to the actors. The movie flows fast without any moments of slowdown: it is absorbing and simply amazing. With Captain America: Civil War Marvel almost reaches the level of the always-incomparable Avengers, first movie in which the “original” avengers appear all together. What we are talking about is a must-see movie (obviously if you like this kind of movie), a movie in which the production company did not save money on cast, on special effects, on chases and on adrenaline. Surely, it is one of the best Marvel movie ever.

SYNOPSIS
Marvel’s “Captain America: Civil War” finds Steve Rogers leading the newly formed team of Avengers in their continued efforts to safeguard humanity. But after another incident involving the Avengers results in collateral damage, political pressure mounts to install a system of accountability, headed by a governing body to oversee and direct the team. The new status quo fractures the Avengers, resulting in two camps—one led by Steve Rogers and his desire for the Avengers to remain free to defend humanity without government interference, and the other following Tony Stark’s surprising decision to support government oversight and accountability.

RECENSIONE
Il film è il 13° della Marvel Cinematic Universe, nonché 1* della cosiddetta “Terza Fase”. È un adattamento parziale del crossover a fumetti Civil War di Mark Miller ed è stato diretto da Anthony e Joe Russo e sceneggiato da Christopher Marcus e Stephen McFeely. il produttore è Kevin Feige e i produttori esecutivi Stan Lee , Nate Moore, Victoria Alonso, Patricia Whitcher e Louis D’Esposito. Il formidabile cast è formato da: Robert Downey Jr., Chris Evans, Scarlett Johansson, Sebastian Stan, Anthony Mackie, Don Cheadle, Jeremy Renner, Chadwick Boseman, Paul Bettany, Elizabeth Olsen, Paul Rudd, Emily VanCamp, Tom Holland, Frank Grillo, William Hurt e Daniel Brühl.

Captain America: Civil War propone dei supereroi visti da una nuova prospettiva, in realtà tutto il film è in un certo modo nuovo: non si ha più il solito villain che con armi innovative o alieni o tecnologie spaventose cerca di sconfiggere i buoni per poi essere puntualmente sconfitto. Si trova qui invece un nuovo genere di cattivo, persino più malvagio che escogita un nuovo modo per eliminare gli Avengers. Come tutti i film Marvel anche questo è strettamente (forse anche più degli altri) legato ai film precedenti (in particolare: Avengers, Avengers Age of Ultron, Captain America: The Winter Soldier..) , e questa in fin dei conti è una delle principali caratteristiche della casa di produzione. Come possiamo notare l’amicizia ha un ruolo centrale, sia nei suoi aspetti negativi che in quelli positivi (come nel caso di Vedova Nera e Captain America in un momento difficile). Lo svilupparsi dello scontro è assolutamente magnifico, e tiene lo spettatore con il fiato sospeso durante tutto lo svolgimento del film, soprattutto per quanto riguarda i due protagonisti della vicenda Iron Man e Captain America. Questi due personaggi infatti raggiungono durante il film un nuovo sviluppo, nei loro caratteri e nelle loro azioni. In particolare il personaggio più affascinante e forse in questo film anche il più tormentato è quello di Tony Stark, ovviamente interpretato magnificamente da Robert Downey Jr. Il film è colmo di inseguimenti di tutti i tipi (in volo, in moto, in macchina, di corsa…), combattimenti emozionanti, adrenalinici e “innovativi” (per esempio alcuni combattimenti senza armature o con continui colpi di scena e nuove “strategie”). Di sicuro in Captain America: Civil War ci sono almeno due fra gli scontri più belli in assoluto dei film Marvel. Gli eroi aumentano ancora di numero (quasi troppo forse) ma insieme a loro aumentano anche gli effetti speciali che sono sempre più sbalorditivi e l’ironia, nonostante ci siano più scene drammatiche del solito.
I luoghi del film sono molto belli, infatti è stato girato in diverse città anche se non sono mai al centro dell’attenzione. La musica (di Henry Jackman) fa ovviamente il suo dovere, e se ci si concentra ad ascoltarla è molto bella, ma il film prende talmente tanto lo spettatore che la colonna sonora si nota a malapena se non ci si focalizza su di essa. Il cast come sempre è perfetto, i personaggi sembrano disegnati sugli attori. Il film procede velocemente senza alcun momento di pausa, è avvincente e semplicemente fantastico. Con Captain America: Civil War la Marvel quasi raggiunge il livello del sempre inarrivabile Avengers primo film in cui i vendicatori “originali” compaiono tutti insieme.

Quello di cui stiamo parlando è un film assolutamente da vedere (ovviamente se piace il genere) in cui la casa di produzione non ha risparmiato né sul cast, né sugli effetti speciali, né sull’adrenalina o sugli inseguimenti. È sicuramente uno dei più bei film Marvel di sempre.

SINOSSI
Il film Marvel Captain America: Civil War vede Steve Rogers al comando della nuova squadra degli Avengers, intenti a proseguire la loro lotta per salvaguardare l’umanità. Ma, quando un altro incidente internazionale in cui sono coinvolti gli Avengers provoca dei danni collaterali, le pressioni politiche chiedono a gran voce l’installazione di un sistema di responsabilità, presieduto da un consiglio d’amministrazione che sorvegli e diriga il team. Questa nuova dinamica divide gli Avengers in due fazioni: una è capeggiata da Steve Rogers, il quale desidera che gli Avengers rimangano liberi dalle interferenze governative, mentre l’altra è guidata da Tony Stark, che ha sorprendentemente deciso di sostenere il sistema di vigilanza istituito dal governo